Guida: come avviare un blog di viaggi

avviare un blog di viaggi

Se desideri iniziare ad  avviare un blog di viaggi, ci sono alcune cose essenziali che dovresti sapere. Niente di complicato, ma è giusto che tu sappia esattamente cos’è un blog e come gestirlo in modo vantaggioso. Questa guida ti aiuterà a intraprendere il percorso migliore, sottolineando le nozioni fondamentali e mostrandoti le mosse da evitare. Assicurati di partire con la giusta mentalità. I nostri suggerimenti ti aiuteranno a scegliere la giusta piattaforma di blogging, a rendere i contenuti più accattivanti e a usare gli strumenti a tua disposizione per promuovere il tuo nuovo blog e iniziare a guadagnare.

Perché avviare un blog di viaggi?

Ci sono un sacco di buoni motivi per  intraprendere questa avventura. Naturalmente, come per qualsiasi passo serio che decidi di fare nella vita, se hai intenzione di avere successo, è importante che tu conosca il tuo “perché”: ciò che alimenterà la tua motivazione e ti farà andare avanti anche quando ti sentirai demoralizzato, visto che, diciamocelo francamente, potresti trovare degli ostacoli lungo il cammino. Tuttavia, niente che valga la pena avere si ottiene facilmente e questo vale anche per un travel blog di successo. Ecco alcune buone motivazioni che ti aiuteranno a farti strada:

  • Devi sentirti stimolato innanzitutto dalle tue inclinazioni naturali. Non c’è nulla di sbagliato nel mirare ad avere successo e guadagnare denaro con un blog di viaggi, si tratta anzi di una rispettabile ambizione. Ognuno di noi ha sogni e aspirazioni, un’idea di come vorremmo che fosse la nostra vita in futuro.
  • Se sei una persona indipendente, che ama lavorare in autonomia, se non puoi immaginare la tua vita senza viaggiare e vorresti farlo guadagnando, allora questa scelta professionale è adatta a te.
  • L’importante è essere preparati a lavorare innanzitutto per se stessi, e non limitarsi a sognare di diventare un blogger. Lavora sodo e ce la farai.
  • Come hanno fatto molte altre persone, puoi anche valutare l’opportunità di entrare in futuro nel settore del turismo. Tuttavia, anche se questa è un’opzione praticabile, si rischia di fare un grosso errore all’inizio: pensare immediatamente a cosa si otterrà invece di pensare a che contributo si può dare all’industria.
  • Per ottenere qualcosa è necessario offrire del contenuto di valore, e non viceversa. Inviare email alle agenzie di viaggi chiedendo alloggio gratuito e simili potrebbe rivelarsi un passo falso. Lavora prima di tutto sulla costruzione del tuo blog e resta concentrato su te stesso. Nel momento in cui inizierai a presentare argomenti di qualità le opportunità verranno da sé.

Il travel blogging ti permette di costruire una rete di collaborazioni che sarà ugualmente utile a te e agli altri. Anche se è un’ambizione nobile riuscire a ottenere quello che hai sempre sognato attraverso un blog di viaggi, se pensi di fare tutto da solo e avere successo, mi dispiace dirtelo ma sei completamente fuori strada. Il travel blogging comporta un coinvolgimento continuo con varie associazioni e la condivisione dei contenuti, lo scambio reciproco di insegnamenti e la collaborazione.

E’ fondamentale stabilire un contatto con il pubblico, collaborare con altri blogger e influencer, ed avviare una partnership con i rappresentanti del settore turistico. Questo vuol dire fornire contenuti di qualità che insegnino, ispirino e intrattengano le persone e siano utili in qualche modo. Tutti i blogger devono essere determinati a condividere le proprie idee e cercare di apportare valore per chi legge: questo può sostenerli anche in quei momenti in cui guadagnano poco.

Quale sarà il tuo compito?

Molte persone hanno un’idea falsata su cosa comporti essere un travel blogger. Ad esempio, la gente generalmente pensa che fare questo mestiere voglia dire solo viaggiare in tutto il mondo ottenendo sconti o addirittura servizi gratuiti. Se fosse così semplice, lo farebbe chiunque. In realtà, dietro le quinte c’è un mondo di incombenze che occupano la maggior parte del tempo per un blogger.

avviare un blog di viaggi
grafica di vettori progettata da Freepik
  • Passerai molto tempo davanti al tuo computer :Un blogger di viaggi deve essere scrittore, editore, giornalista, ricercatore, fotografo e un mucchio di altre cose. Se decidi di prendere questa strada dovrai innanzitutto passare molto tempo a cercare destinazioni di viaggio, monumenti, ristoranti, alberghi, mete di interesse artistico e culturale, e così via. Sarai impegnato a scrivere, modificare foto, comunicare con le persone, prenotare, e mantenere attivo il tuo blog.
  • Diventerai un tuttofare: Essere indipendente e lavorare in autonomia significa che, almeno all’inizio, finché non guadagnerai abbastanza per affidare incarichi ad un assistente, dovrai imparare a fare un po’ di tutto occupandoti del tuo lavoro a 360 gradi per rendere rispettabile il tuo blog. Questo include scrivere, fotografare, montare video, ritoccare foto, promuovere i contenuti, lanciare idee, creare collegamenti commerciali, eccetera.

Sei adatto per questo lavoro?

La prima condizione essenziale è che ti piaccia viaggiare. Sembra scontato ma non lo è: nel tuo lavoro si deve riflettere il tuo entusiasmo e lo spirito di avventura, il desiderio di vedere e conoscere ed esplorare posti nuovi, incontrare persone con culture diverse. Un buon travel blogger è una persona curiosa e di mentalità aperta, in grado di scovare argomenti interessanti di cui parlare e confezionandoli in maniera piacevole per i lettori.

Ricorda che per diventare travel blogger non basta viaggiare due volte all’anno: per fare del blogging un lavoro dovrai essere costantemente in movimento e cercare lavoro e alloggio durante gli spostamenti. Devi essere flessibile e non sentirti vincolato a un singolo posto.

Ma soprattutto ricorda che viaggiare per lavoro non vuol dire andare in vacanza: non appena atterrerai da qualche parte, dovrai concentrarti sul tuo lavoro, seguire un programma e assicurarti di fare le cose che avevi pianificato. Non avrai tempo per sederti e rilassarti.

Le problematiche

Per quanto ti possa piacere l’idea di diventare blogger di viaggi, si tratta pur sempre di un lavoro. Come accennato in precedenza, molte persone vedono solo il lato glamour del mestiere, mentre in realtà c’è un sacco di duro lavoro dietro. Il web è pieno di blog di viaggi: a fare la differenza tra un blog di successo e un blog che resta nell’anonimato è l’impegno nel tempo a costruire il proprio impero, offrendo costantemente qualcosa di unico.

avviare un blog di viaggi

Tanto per cominciare scordati lo stipendio fisso. La maggior parte delle persone è abituata ad  avere un reddito mensile fisso su cui contare e pianificare le proprie spese. Quando inizierai la tua carriera di blogger questo non sarà possibile, e anche in seguito otterrai importi diversi ogni mese. Inoltre, avviare un blog richiede una spesa iniziale.

Dovrai investire nella creazione del tuo blog e nelle spese di viaggio verso i luoghi per aggiungere i primi contenuti. Le cose potrebbero funzionare in questo modo per un po’ e dovrai imparare a gestire le tue finanze, a meno che tu non abbia un bel po’ di risparmi.

Quando avrai elaborato i tuoi “gigs” di viaggio e avrai stretto accordi con le agenzie di viaggi, dovrai creare contenuti di qualità a ritmo regolare. In poche parole, avrai scadenze da rispettare, come per qualsiasi altro lavoro. Dovrai lavorare in modo dinamico per poter fornire contenuti mentre continui a viaggiare e a cercare il maggior numero di posti da visitare.

Hai molta strada da fare quindi adeguati ad avere la pelle dura. Iniziare la tua carriera di blogger ti sembrerà eccitante, ma presto capirai che le cose non vanno sempre così facilmente come credevi. Ci sono molte delusioni che ti aspettano lungo questo percorso, quindi sii pronto a provare più e più volte fino a quando non capiterà la giusta occasione.

A volte, ti sentirai come se non sapessi dove andare e cosa provare, in quel caso farai bene a prenderti una giornata di pausa per svuotare la mente in modo che tu possa ricominciare da capo il giorno dopo.

E’ fondamentale definire la propria nicchia di viaggio. Molte persone hanno interessi vari riguardo ai viaggi e vorrebbero parlare di ogni aspetto. Tuttavia, questo può creare un problema, poiché non saresti in grado di crearti un pubblico che vorrà tornare sul tuo blog.

In poche parole, se scrivi diversi aspetti del viaggio sul tuo blog ma non ti concentri su qualcosa in particolare, ti ritroverai con molte informazioni superficiali e nulla di veramente unico e prezioso. Il tema dei viaggi rappresenta già una nicchia di per sé, ma puoi specializzarti ulteriormente nelle cose che ami e offrire contenuti di qualità.

Puoi individuare la tua nicchia semplicemente combinando i viaggi con un aspetto aggiuntivo e concentrandoti sulla fusione tra le due cose, ad esempio:

  • Viaggi e cucina
  • Viaggi e festival musicali
  • Viaggi e monumenti antichi
  • Viaggi e vacanze in famiglia
  • Viaggi e cucina tradizionale
  • Viaggi e moda

Queste sono nicchie di blog di viaggio chiare e precise. Scegli quello che ti appassiona e possibilmente nel settore in cui c’è chiaramente un pubblico affamato di contenuti.

Molte persone si chiedono se saranno in grado di mantenerlo interessante se si limitano a una nicchia; sarai in grado di farlo se sei veramente interessato a ciò di cui stai scrivendo e se lavori sodo.

Come avviare un blog di viaggi
grafica di vettori progettata da Allvectors

Trova un nome per il tuo blog

Il nome del tuo blog ha molta importanza: è il tuo biglietto da visita. Non solo rappresenterà te e i tuoi contenuti, ma farà anche parte del tuo marchio e, se scelto attentamente, ti aiuterà ad attirare più visitatori. Ancora più importante, in futuro potrai cambiare e migliorare vari aspetti del tuo blog, ma il tuo nome rimarrà per sempre ed è per questo che ci devi riflettere bene.

Dal momento che in futuro gran parte del tuo successo dipenderà dal tuo nome, ti elenchiamo alcuni elementi essenziali che ti aiuteranno a farti notare. Quando sarà il momento di scegliere un nome di dominio per il tuo blog di viaggio cerca di far combaciare tra loro tutti questi fattori:

  • Un nome semplice, facile da ricordare e scrivere.
  • Meglio se breve.
  • Non dovresti includere numeri o segni.
  • Il nome dovrebbe comunicare immediatamente il tema del blog.
  • Deve essere unico.

Istruzioni per la configurazione del tuo account Siteground:

Se decidi di utilizzare altri provider di hosting Web, il processo potrebbe essere leggermente diverso, ma la maggior parte dei passaggi dovrebbe essere simile.

Vediamo ora come impostare rapidamente ed avviare il tuo blog WordPress professionale, ci servono solo cinque minuti. Io ho iniziato il mio primo blog su Siteground e ora se tu effettui un acquisto tramite il mio link su questo post, guadagnerò una piccola commissione senza alcun costo aggiuntivo per te. Promuovo solo le cose che uso e amo e sono sempre trasparente a riguardo!

Innanzitutto, fai clic sul link Siteground ti troverai davanti a questa immagine:

creare un blog

Per iniziare puoi scegliere il piano base StartUp , il meno costoso di tutti “.
Se invece hai intenzione di creare più siti e vuoi più potenza seleziona GrowBig o GoGeek potrai ospitare siti web multipli, senza dover comprare altri hosting ogni volta. Il mio consiglio è di investire qualcosa in più e selezionare GrowBig, questo piano è stato progettato per ospitare un sito con molto traffico o più siti di media grandezza,avrai più velocità e sarai anche facilitato nel posizionamento su Google.
Dopo aver fatto la tua scelta, seleziona il piano preferito facendo click sul pulsante ACQUISTA.

box scegli il tuo dominio

Qui, inserisci il nome di dominio che desideri utilizzare.Puoi aggiungere più domini in seguito, quindi non è necessario farlo in questo momento. Con Siteground non è necessario pagare un dominio (risparmi circa 13€) perché i domini più utilizzati sono completamente gratuiti. Vi consiglio inoltre di scegliere un .com

Dopo aver scelto il tuo dominio, compila i dettagli e le informazioni di pagamento.

creare un blog

Dopo aver compilato esattamente il modello che vedi sopra dovrai effettuare il pagamento.
Inserisci il numero della carta di credito, il nome del proprietario del dominio, la data di scadenza e il CVV Code .
creare un blog

Seleziona “12 mesi” per avere 1 anno di servizio di hosting . In seguito potrai prolungarlo a tuo piacimento.

creare un blog

Clicca sul pulsante “Paga subito” per completare l’operazione

Perfetto, hai acquistato hosting e dominio. Ora ti mostrerò come installare WordPress sul tuo dominio in pochi minuti.

Installa WordPress dal tuo nuovo cPanel in Siteground
Ora che hai acquistato il tuo nome di dominio e il pacchetto di hosting avrai accesso a qualcosa chiamato cPanel (abbreviazione di Pannello di controllo).Questo è il “motore” del tuo hosting e ha dozzine di icone diverse che si collegano a tutti i diversi servizi e funzionalità disponibili nel tuo account di hosting come email, script, account e altro.All’inizio sembrerà un pò complicato ma non preoccuparti, puoi.

Ti mostrerò come eseguire un’installazione di WordPress da solo, ma puoi sempre chiedere all’assistenza di Siteground di farlo per te. Questo è un messaggio che vedrai quando accederai per la prima volta a cPanel.

Passo 1:Fai clik su “cPanel”

creare un blog


Passo 2:Scorri verso il basso fino a trovare l’icona chiamata Installa WordPress. Fai ancora clik

creare un blog


Passo 3:si aprira la finesta con un bottone blu con scritto “Installa”, fai ancora clik

creare un blog

Passo 4:Compila la pagina con i tuoi dati seguendo le istruzioni


creare un blog


Bene hai appena finito di installare WordPress!!!

Non ti resta che fare il login per accedere al tuo sito. Puoi accedere alla pagina di amministrazione del sito dal cPanel di Siteground oppure digitando nella barra degli indirizzi “www.tuosito.com/wp-admin” (ad esempio se il tuo sito si chiama rossi.com devi digitare “www.rossi.com/wp-admin”).

Sono necessarie alcune ore prima che il dominio sia “propagato”. Quindi se accedi alla tua area utente di WordPress e ti sembra che il sito non sia attivo (“Sito non trovato”) non spaventarti, basta aspettare qualche ora.

Cambia il tema di WordPress
Il passo da fare dopo aver installato WordPress è scegliere un tema per WordPress ed iniziare a scrivere i tuoi primi post!

Per cambiare il tuo tema accedi al tuo cruscotto WordPress usando “www.tuosito.com/wp-admin”  vai su Aspetto – Temi – Aggiungi Nuovo e poi usa la casella di ricerca per trovare un tema adatto alle tue esigenze. Ci sono letteralmente migliaia di temi tra cui scegliere.
Una volta trovato un tema che ti piace, puoi visualizzarlo in anteprima ed installarlo.

creare un blog

Ora sei pronto per iniziare a scrivere sul tuo nuovo blog WordPress! L’intero processo dall’iscrizione all’installazione di un tema può richiedere solo cinque minuti. Segui questa guida e se ti ritrovi in qualche problema puoi chiedere aiuto a uno degli straordinari operatori live di Siteground.

Una volta avviato un blog WordPress, ti consiglio di dare un’occhiata QUI per creare contenuti sorprendenti per il tuo blog.

Se hai dei consigli, ti invito a lasciare un commento qui sotto e a condividere la tua esperienza. Mi piacerebbe davvero rendere questo post una risorsa utile per tutti. Allo stesso modo, se hai domande per me, lascia un commento e farò del mio meglio per risponderti in tempi brevi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare report di navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .