Chi sono gli influencer?

Chi sono gli influencer

Gli influencer, a differenza delle celebrità, possono essere ovunque e possono essere chiunque. Ciò che li rende influenti è il loro ampio seguito sul web e sui social media. Un influencer può essere un famoso fotografo di moda su Instagram, o un blogger ben informato, o un rispettato dirigente di marketing su LinkedIn. All’interno di ogni settore ci sono persone influenti: devi solo trovarle. Sono facilmente riconoscibili dalle loro centinaia di migliaia (se non milioni) di follower, e questo è il target di riferimento per individuarli:

  • Un individuo che ha il potere di influenzare le decisioni di acquisto degli altri grazie alla sua autorità, conoscenza, posizione o capacità di relazione con il pubblico.
  • Un individuo che ha un seguito in una nicchia particolare, in un contesto in cui si impegna attivamente.

È importante notare che queste persone non sono semplicemente strumenti di marketing, ma piuttosto risorse di relazione sociale con cui i grandi marchi possono collaborare per raggiungere i loro obiettivi di marketing.

Chi sono gli influencer nei social media?

I social media influencer sono persone che si sono costruite una reputazione per le loro conoscenze e competenze su un argomento particolare. Pubblicano regolarmente post su quel preciso argomento sui loro canali di social media preferiti e generano tanti seguaci entusiasti che prestano molta attenzione alle loro opinioni.

Le grandi marche amano i social media influencer perché possono creare tendenze e incoraggiare i loro follower ad acquistare i prodotti che promuovono.

La maggior parte degli influencer si adatta alle seguenti categorie, tra cui l’ultima sta diventando rapidamente la più importante:

  1. Celebrità
  2. Esperti di settore e leader di pensiero
  3. Blogger e creatori di contenuti
  4. Microinfluencer

Leggi anche questo articolo consigliato per te: Cos’è l’influencer marketing?


Celebrità

Il successo di un prodotto spesso passa attraverso l’approvazione delle celebrità. Le aziende hanno scoperto da molti anni che le loro vendite aumentano esponenzialmente quando una celebrità promuove il loro prodotto. Ci sono ancora molti casi di aziende, in particolare marchi di fascia alta, che usano celebrità come influencer.

Il problema per la maggior parte delle aziende è che ci sono così tante celebrità disposte a partecipare a questo tipo di campagna, che è improbabile che accettino di farlo a buon mercato. L’eccezione è quando un’azienda commercia un prodotto che una celebrità già ama e utilizza.

Le celebrità possono avere molti fan e seguaci sui social media ma in realtà è difficile affermare esattamente quanta influenza hanno realmente su chi li segue.

Esperti di settore e leader di pensiero

Gli esperti di settore e i leader di pensiero ottengono rispetto per via della loro posizione o esperienza riguardo al loro argomento di competenza. Spesso, questo rispetto è guadagnato più a causa della reputazione dell’azienda per cui lavorano. Ad esempio, il giornalista che scrive per un’importante testata probabilmente non è un esperto degli argomenti che tratta, ma è rispettato per essere un redattore abbastanza bravo da lavorare per una pubblicazione così prestigiosa.

Gli esperti di settore includono:

  • giornalisti
  • accademici
  • consulenti professionali

Se sei in grado di ottenere l’attenzione di un giornalista, che a sua volta parla positivamente della tua azienda in un articolo pubblicato su una testata a diffusione nazionale, allora lo stai usando come influencer nello stesso modo in cui faresti attraverso un blogger o un social media influencer. C’è un ulteriore vantaggio in questa situazione in quanto il giornalista molto probabilmente scriverà il suo articolo gratuitamente.

I blogger e i creatori di contenuti lavorano spesso con esperti di settore e leader di pensiero, e non è raro vederli citati nei post dei blog e persino nelle campagne sui social media. La linea di confine tra media tradizionali e social media si sta attenuando sempre di più.

Blogger e Content creator

Da molto tempo il blogging è direttamente collegato al marketing di influenza percé ci sono molti blog influenti su internet. Se un blogger popolare menziona positivamente il tuo prodotto in un post, può portare i suoi sostenitori a desiderare di testare il tuo prodotto. Molti blogger hanno sviluppato competenze significative in settori specifici. Ad esempio, ci sono blog molto influenti sullo sviluppo personale, la finanza, la salute, l’educazione dei figli, la musica e molti altri argomenti, inclusa la stessa arte del blogging. La chiave per un blog di successo sta nel rispetto per i lettori.

Una variante di questo processo di marketing è richiedere di pubblicare un guest post. Se riesci a ottenere un posticino su un blog di grandi dimensioni per il tuo guest post, puoi gestirne il contenuto e normalmente ti sarà consentito inserire un link al tuo sito nella biografia dell’autore.

Se un blog è grande e abbastanza influente, potresti anche valutare di acquistare un post sponsorizzato sul sito. Ciò ti consente di scrivere un post o collaborare con il blogger affinché scriva un post a tuo nome. A differenza di una menzione casuale nel post di un blogger o guest post scritto da te personalmente, dovrai pagare per un post sponsorizzato (ed è probabile che sia etichettato come tale). Tuttavia, questo non ha danneggiato i risultati di molte aziende che hanno sponsorizzato post sui blog. La Generazione Z, in particolare, sembra essere immune al tag Sponsored Post, e fintanto che il prodotto è in linea con i gusti del pubblico principale del blog, non ci dovrebbero essere problemi.

Oltre al blog, un altro tipo di contenuto popolare è il video. In questo caso, piuttosto che creare un sito, la maggior parte dei videomaker crea un canale su YouTube. I brand spesso decidono di collaborare con i famosi creatori di contenuti di YouTube. I blogger e gli YouTuber non si affidano esclusivamente al pubblico già esistente per indirizzarlo al proprio sito o canale in cerca degli ultimi aggiornamenti, ma promuovono i nuovi post e video sui social media, il che rende la maggior parte di questi blogger e content creator anche dei micro influencer.

Microinfluencer

I micro influencer sono persone comuni diventate famose grazie alla conoscenza approfondita di un argomento di nicchia. Per questo, di solito hanno un notevole numero di follower appassionati di quello specifico settore. Naturalmente, non è solo il numero di follower che indica il livello di influenza, ma è la relazione e l’interazione che un micro influencer ha con i suoi seguaci a fare la differenza.

È possibile che un microinfluencer non sia a conoscenza dell’esistenza di un’azienda prima che l’azienda stessa lo contatti. In questo caso, la società dovrà prima convincere l’influencer del valore del proprio prodotto, perché un micro-influencer non vorrà mai rischiare di danneggiare il proprio rapporto con i fan iniziando a promuovere prodotti senza valore o senza relazione con il proprio settore specifico.

Questa necessità di allineare qualsiasi relazione tra micro influencer e brand con i gusti del pubblico spesso rende gli influencer “schizzinosi” riguardo alla scelta delle aziende con cui collaborare. Alcuni micro influencer sono felici di promuovere un marchio gratuitamente, altri si aspettano una qualche forma di pagamento. Indipendentemente dal prezzo, è improbabile che un influencer voglia essere coinvolto nella promozione di un marchio inappropriato per il proprio pubblico.

La natura dell’influenza sta cambiando. I micro influencer stanno diventando più comuni e più famosi. Alcuni sono passati dall’anonimato virtuale ad essere quasi conosciuti come celebrità tradizionali. Questo succede perché, questa generazione, trascorre più tempo su Internet che a guardare la televisione e il cinema, o a seguire lo sport.

In realtà, i micro influencer sono gli influencer del futuro. Internet ha portato alla frammentazione dei media in molti piccoli argomenti di nicchia. Anche se ti piace qualcosa di relativamente bizzarro, molto probabilmente troverai un gruppo di Facebook o una bacheca su Pinterest dedicata proprio a quel particolare argomento. Ed proprio è in questi gruppi e bacheche di nicchia che i micro influencer si affermano come veri influencer.

Se hai dei consigli, ti invito a lasciare un commento qui sotto e a condividere la tua esperienza. Mi piacerebbe davvero rendere questo post una risorsa utile per tutti. Allo stesso modo, se hai domande per me, lascia un commento e farò del mio meglio per risponderti in tempi brevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare report di navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .