Come realizzare un’infografica?

Come realizzare un'infografica?

L’infografica si è evoluta molto negli ultimi anni ed è diventata un mezzo di comunicazione di massa; sono progettate per raggiungere un pubblico più ampio, semplificando le materie complesse e disponendole in un formato facile con cui interfacciarsi, a differenza di altri tipi di visualizzazioni. A causa della sua semplicità e di una narrazione avvincente, negli ultimi anni ha guadagnato molta popolarità, tant’è che possiamo vederla condivisa su Internet e sui social media.

Vediamo ora come realizzare un’infografica e soprattutto scopriamo che cos’è un’infografica? Per comprendere meglio la definizione di infografica, è utile sapere da dove viene il termine. Infographic è un portmanteau di ‘informazioni’ e ‘grafica’. Un’infografica (informazione grafica) è una rappresentazione visiva di informazioni che mira a rendere i dati facilmente comprensibili a prima vista.

Un’infografica utilizza poco il testo a favore delle immagini e può essere un potente strumento per la visualizzazione dei dati, la spiegazione dei concetti, la semplificazione delle presentazioni, la mappatura delle relazioni, la presentazione delle tendenze e la fornitura di informazioni essenziali. L’uso di immagini avvincenti su un’infografica può rendere l’idea astratta molto più facile da comprendere (da qui la popolarità dell’infografica nel marketing e nelle istruzioni). Le infografiche semplificano i grandi insiemi di dati fornendo una vista di ampio raggio e rendendoli più facili da comprendere a prima vista. Aiutano quindi a trasmettere i dati in una forma compatta e condivisibile.

Le infografiche sono state uno dei primi mezzi di comunicazione scritta come testimoniano i disegni rupestri e i linguaggi incentrati sulle immagini, i geroglifici dell’Antico Egitto. Negli anni ’20 nacquero statistiche pittoriche note come isotopi, precursori chiave delle infografiche di oggi. L’inizio del computer e di Internet ha solo ampliato il loro utilizzo.

Tipi di infografica

Le infografiche sono disponibili in varie forme. Sono categorizzate in base allo scopo, ai tipi di oggetti utilizzati e al flusso di informazioni. Bisogna sapere che un’infografica non sempre rientra in una categoria specifica. In realtà, la maggior parte delle infografiche avrà elementi di tipi diversi.

  • Stai cercando di mostrare i valori migliori e peggiori in un gruppo di dati? 
  • L’obiettivo è dimostrare cambiamenti e tendenze nel tempo? 
  • Stai suddividendo l’oggetto di cui vuoi parlare per illustrare i suoi vari componenti? 
  • Vuoi vedere la distribuzione dei dati? 
  • Sei interessato a chiarire la relazione tra vari valori?

I tipi di infografica che saranno più appropriati in una determinata situazione dipenderanno dall’obiettivo che ti porta a visualizzare i dati in quel determinato modo. Scegli il tipo di infografica che evita l’ambiguità e aiuta meglio il lettore a estrarre informazioni utili e preziose informazioni. 

I tipi di infografica più popolari sono:

Per una descrizione completa di ciascuna tipologia di infografica e quando utilizzarla, consulta questa guida ai nove diversi tipi di modelli di infografica.

  1. Infografica statistica
  2. Infografica informativi
  3. Infografica Timeline
  4. Processo di infografica
  5. Infografica geografica
  6. Infografica di confronto
  7. Infografica gerarchica
  8. Elenco infografica
  9. Curriculum infografica

 

  1. Modelli di infografica statistica: Se si desidera visualizzare i risultati del sondaggio , presentare i dati da più fonti o eseguire il backup di un argomento con dati rilevanti, un’infografica statistica funzionerà correttamente.Un’infografica statistica mette l’accento sui tuoi dati. Il layout e le immagini ti aiuteranno a raccontare la storia dietro i tuoi dati.
  1. Modelli di infografica informativi :Un modello di infografica informativo è l’ideale se vuoi comunicare chiaramente un concetto nuovo o specializzato o dare una panoramica di un argomento. In genere, un’infografica informativa è divisa in sezioni con intestazioni descrittive. La numerazione di ciascuna sezione aiuterà il flusso di progettazione infografica. Inoltre, abbiamo riscontrato che le persone tendono ad apprezzare le infografiche con i numeri nel titolo .
  1. Modelli di infografica timeline: Un’infografica linea temporale è un modo efficace di visualizzare la storia di qualcosa, o per evidenziare date importanti, o per dare una panoramica degli eventi. Poiché gli esseri umani tendono a dare un senso spaziale al tempo , una visuale simile a un’infografica della timeline può aiutare a creare un’immagine più chiara di un lasso di tempo. Gli aiuti visivi come linee, icone, foto e etichette aiutano a evidenziare e spiegare i punti nel tempo.
  1. Elabora modelli di infografica: Mentre un’infografica della timeline evidenzia punti nel tempo, l’ infografica di processo è l’ideale per fornire un riepilogo o una panoramica dei passaggi di un processo. L’infografica di processo ti consentirà di semplificare e chiarire ogni passaggio. La maggior parte delle infografiche di processo segue un flusso diretto dall’alto verso il basso o da sinistra a destra. Numerare i passaggi renderà il tuo processo facile da seguire.
  1. Modelli di infografica geografiche: Vuoi visualizzare dati basati sulla posizione, dati demografici o grandi quantità di dati? In questi casi, prova a utilizzare un modello di infografica geografica.:Le infografiche geografiche utilizzano i grafici delle mappe come elemento visivo a fuoco. Diversi tipi di grafici cartografici funzionano meglio per diversi tipi di dati.
  1. Modelli di infografica di confronto: Molte persone hanno difficoltà a scegliere tra più opzioni. Sia che tu voglia confrontare le opzioni in modo imparziale, o che tu voglia far apparire un’opzione migliore, un infografica di confronto può farlo. In genere, le infografiche di confronto vengono suddivise verticalmente o orizzontalmente, con un’opzione su ciascun lato.
  2. Modelli di infografica gerarchica: Un’infografica gerarchica può organizzare le informazioni dal più grande al meno. Un famoso esempio di ciò è la piramide che visualizza la Gerarchia dei bisogni di Maslow. I bisogni più importanti dell’umanità alla base della piramide, salendo ai bisogni meno importanti dell’umanità nel segmento più piccolo in alto.
  3. Elenca i modelli di infografica: Se vuoi condividere una raccolta di suggerimenti o un elenco di risorse o un elenco di esempi, allora perché non creare … un elenco infografica! Elenca i modelli di infografica in genere in modo semplice: l’obiettivo è renderli più accattivanti di un elenco di base. Immagini come icone possono sostituire punti elenco e caratteri e colori creativi possono far risaltare ogni oggetto.
  4. Modelli di curriculum infografica: Con l’attuale mercato del lavoro così saturo, i cercatori di lavoro devono trovare modi creativi per distinguersi. Ecco perché i curriculum infografici hanno guadagnato molta popolarità negli ultimi anni. Il curriculum infografico non sarà in grado di sostituire completamente un curriculum tradizionale nella maggior parte dei casi. Ma sono un ottimo documento da portare a un colloquio, da pubblicare sul sito del portfolio o da includere in un’applicazione di posta elettronica.

I vantaggi di un infografica. Quali sono?

  • Le infografiche sono ideali per la condivisione su social media e blog: Se crei e condividi con successo infografiche informative facili da comprendere, il tuo pubblico sarà riconoscente e potrà a sua volta condividere quell’idea, quell progetto, quell’informazione con altri fan. Come puoi ben capire l’effetto che si può generare può essere paragonabile ad una valanga!

Non dimenticare lo scopo principale alla base dell’infografica è quello di fornire contenuti di valore rispetto a come un passo di vendite. In sostanza, stai aumentando la consapevolezza del tuo marchio indirettamente, che sarà un sottile effetto collaterale delle informazioni che condividi.

  • Facile da “consumare”: Se il tuo contenuto visivo (infografica) adempie alla sua funzione di informare e impegnarsi in meno di un minuto, raggiungerai più persone che altrimenti non interagirebbero con te.

Le persone hanno una capacità di attenzione limitata. Come spettatore è facile perdersi tra le centinaia di nuove infografiche che vengono create e inviate quotidianamente a Internet. La rete è un contenitore inquantificabile di idée attraenti per cui è importante, per ottenere successo e visibilità, differenziarsi dalla massa. Come? La tua infografica dovrà possedere simultaneamente I requisiti di chiarezza, pulizia e professionalità.

  • Permetti la semplice condivisione per far diventare  virale la tua infografica: Il pubblico può scaricare e incorporare infografiche nel proprio sito Web, nel proprio blog o espanderli alla propria rete all’interno dei social media. Più è informativa e coinvolgente l’infografica, più è probabile che diventi virale. Visme  offre un ricco set di strumenti e modelli per creare e condividere le tue infografiche.

Inoltre ricordati di concedere la possibilità di tener traccia di quando qualcuno sta visualizzando I tuoi contenuti e di creare pulsanti di condivisione che ti permetteranno più facilmente di raggiungere quel grado di esponenzialità e di celebrità che ti consentirà di avere buoni margini economici.

  • Ti aiutano a dimostrare esperienza e leadership: Con I tuoi contenuti informativi sei in grado di attrarre e fidelizzare gli utenti, che conoscendo la intuitività delle tue infografiche accederà spesso ai contenuti e permetterà loro di crearsi una certa affidabilità e fedeltà sulle fonti.

Permetti a qualcuno di accedere facilmente alle informazioni da te inserite e quando avrà necessità di condividere qualche cosa farà sicuramente tappa sul tuo sito. È uno strumento perfetto per mostrare al mondo quanta conoscenza puoi condividere con loro e quanto possono apprendere e trarre beneficio dall’ascoltarti. Naturalmente, per trarne vantaggio è necessario fornire contenuti di valore e innovativi, non è utile creare un’infografica che non aggiunga nulla di nuovo alla conoscenza del pubblico in merito. Sii specifico e mostra la tua esperienza il più possibile.

  • Ti consentono di associare contenuti specifici al tuo marchio: Una volta dimostrata la tua esperienza, o l’esperienza del tuo marchio, sarai in grado di associare quel livello di conoscenza alla tua attività. Includere il tuo logo in ogni infografica che crei è la chiave per posizionare il tuo marchio nella nicchia corretta. Se il tuo marchio fornisce contenuti pertinenti sulla sua nicchia, presto sarà riconosciuto come influencer esperto nell’area, che ti consentirà di ottenere più traffico / lead qualificati.

Come realizzare un'infografica?

Cosa rende un design infografico efficace?

Quando si tratta di progettare un’infografica efficace, è importante sapere che il nostro cervello si basa sull’informazione visiva per aiutarci a capire con la logica ciò che ci circonda. Possiamo usare questo concetto per strutturare visivamente le nostre informazioni e creare modelli che miglioreranno il messaggio che vogliamo comunicare.

Esaminiamo alcune delle migliori pratiche di progettazione per aiutarti a creare infografiche tanto efficaci quanto belle:

1) Usa linee, bordi e forme per raggruppare le informazioni correlate.

  • Anche qualcosa di semplice, come la posizione e il raggruppamento di elementi in una pagina può influenzare il modo in cui i nostri lettori visualizzano e interpretano la nostra grafica.
  • Se usiamo elementi di design di base come bordi, linee, cerchi e quadrati per organizzare visivamente il nostro contenuto, i nostri lettori troveranno più facile interpretare quello stesso contenuto.

2) Usa un colore a contrasto, efficace per attirare l’attenzione dei tuoi lettori.

  • Un altro elemento di design importante a cui pensare è, quindi, il colore.
  • Siamo naturalmente inclini a usarlo per dare all’infografica un aspetto gradevole, ma il colore può essere usato anche come un potente strumento di comunicazione.
  • Come accade per le linee e i bordi, i colori possono essere utilizzati per indicare i raggruppamenti d’informazioni
  • Un fattore ancora più importante è che possiamo usare il colore per attirare l’attenzione sulle informazioni principali e spostare le informazioni secondarie sullo sfondo.
  • Scegli un colore che contrasti con tutti gli altri nel grafico e usalo per far risaltare le informazioni più importanti.

3) Crea una gerarchia di testo con tre diversi stili di carattere.

  • I caratteri sono una delle prime cose che le persone notano quando guardano per la prima volta un’infografica. Se scelti male, i caratteri possono rovinare un’infografica potenzialmente eccezionale ed efficace. 
  • La chiave per utilizzare correttamente i caratteri in ambito di infografica consiste nel creare una gerarchia di testo chiara, con tre stili di carattere diversi, uno per l’intestazione principale, uno per le intestazioni delle singole sezioni e l’altro per il corpo del testo.
  • Il carattere dell’“header”, ovvero l’intestazione principale, dovrebbe essere il più grande e può essere il più stilizzato. Consideralo come il modo di impostare  lo spirito della tua infografica.
  • Il carattere per le intestazioni di sezione dovrebbe essere un po’ più piccolo e meno stilizzato, ma deve comunque risaltare sulla pagina.
  • Infine, il carattere per il corpo del testo sarà il più piccolo tra i tre e non sarà stilizzato. Deve infatti essere il più semplice possibile da leggere.

4) Usa immagini, icone e illustrazioni per rendere memorabili i “take away”.

  • Assicurati che il focus della tua infografica sia su elementi come immagini, icone, illustrazioni e grafici.
  • Le immagini sono fondamentali per rendere le tue informazioni coinvolgenti e memorabili. Le migliori infografiche hanno un uguale equilibrio tra testo e immagini.
  • Il modo più semplice per assicurarti di avere un numero sufficiente di elementi grafici nell’immagine è aggiungere un’icona per rappresentare ciascuna intestazione.

CONCLUSIONE:

Le migliori infografiche utilizzano una combinazione di testo, immagini e dati per informare e coinvolgere. Se sei pronto a creare infografiche che trovino il perfetto equilibrio tra divertimento ed educazione, assicurati di seguire questi nostri suggerimenti di progettazione.

 

Se hai dei consigli, ti invito a lasciare un commento qui sotto e a condividere la tua esperienza. Mi piacerebbe davvero rendere questo post una risorsa utile per tutti. Allo stesso modo, se hai domande per me, lascia un commento e farò del mio meglio per risponderti in tempi brevi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare report di navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .