40 Cose da sapere prima di iniziare un blog (Conclusione)

cose da sapere

Avviare un blog per la prima volta è un’esperienza incredibile, ma difficile, è un duro lavoro e ci sono molte insidie ​​lungo la fase di realizzazione. Soprattutto se è la tua prima volta. Ci sono così tanti “trucchi”, cose da fare, infatti, abbiamo creato una lista completa di 40 cose da sapere prima di iniziare un blog, 40 cose che abbiamo diviso in più articoli e che pubblicheremo settimanalmente. In questo modo, ti aiuteremo a fare meno errori possibili.

33) Usa Quora 

Abbiamo già menzionato Quora prima, ma ne parliamo anche per un altro motivo.

Quora è uno dei pochi siti sul web in cui puoi andare a scoprire cosa vogliono veramente sapere le persone. Fondamentalmente, ogni domanda è un’opportunità per te di scrivere un post completamente nuovo sul tuo blog, un aiuto davvero fantastico.

Tutto ciò che devi fare è andare su Quora, seguire una manciata di argomenti che riguardano il tema del tuo blog, e prestare attenzione alle domande che le persone fanno più spesso.

Ecco cosa ottieni quando lo fai:

  • Innanzitutto, sai che il problema è davvero importante per almeno una persona; in altre parole, hai la conferma che un dato problema non esiste solo nella tua mente.
  • Puoi vedere il modo esatto in cui la persona formula la domanda, quindi puoi usarlo come titolo, per intero o in parte. Inoltre, questo ti dà un’indicazione del tipo di parole chiave che potrebbero essere correlate alla questione.
  • Hai a disposizione una pagina strategica in cui promuovere quel post una volta pubblicato. Puoi tornare su Quora, rispondere alla domanda in modo semplice e veloce, e quindi aggiungere un link per chiunque voglia saperne di più.

34) Fai ricerche per parole chiave per ogni nuovo post 

Abbiamo già menzionato la ricerca di parole chiave, ma volevo approfondire ancora la questione, giusto per essere sicuro che ci capiamo alla perfezione. La cosa principale che tengo a sottolineare è che la ricerca vera e propria delle parole chiave va fatta più e più volte per ogni nuovo post che pubblichi.

Sembra un sacco di lavoro, lo so, ma non c’è altro modo per pubblicare contenuti di valore nel panorama web di oggi quando si avvia un blog. Ci sono già troppi contenuti interessanti là fuori, troppi contenuti che sono già abbastanza ottimizzati. In un ambiente come questo, non puoi semplicemente fare affidamento sulla tua parola chiave principale per l’intero sito e quindi continuare a creare il tuo contenuto attorno a qualunque argomento liberamente collegato.

Applica questo sistema anche quando torni a fare audit sui vecchi contenuti. Quando li esamini e li controlli, chiediti  “Quale parola chiave è il targeting di questo post? È abbastanza ottimizzato?”

35) Prendi ispirazione da nicchie apparentemente non correlate

Avere buone idee per i post del blog può essere difficile a volte. Ma ispirarti solo ai contenuti specifici della tua nicchia può essere un’arma a doppio taglio. Da un lato ti tiene informato, ma dall’altro non ti permette di aprirti a nuove idee e magari provare nuove cose che non sono mai state provate prima. In poche parole, l’unico modo per avere buone idee è avere molte idee. E una volta che queste idee iniziano a combinarsi tra loro, nascono grandi cose, prodotti, articoli. Ecco perché abbiamo bisogno di espanderci, leggere molto, guardare un sacco di video. Consenti a te stesso di interagire con contenuti al di fuori della tua nicchia. Questo è forse il percorso migliore da seguire quando si avvia un blog.

36) Regala i tuoi contenuti migliori

E’ un errore comune pensare che i migliori contenuti dovrebbero essere riservati ai clienti paganti. Le cose gratis e fantastiche fanno entrare le persone dalla porta principale. Una volta dentro, iniziano a cercare altro. Iniziano a pensare, “accidenti, questa risorsa gratuita è migliore di quella che gli altri fanno pagare!” Questa è una vittoria. In questo modo è possibile vendere consulenze individuali, corsi premium, apparizioni in prima persona, ecc.

Hai appena aperto un blog? Offri il tuo prodotto migliore gratis. Avrai un enorme ROI!

37) Non ossessionarti con la grammatica

Ci sarà sempre quello che te lo farà notare nei commenti, ma non preoccuparti per lui. Il nucleo delle informazioni è ciò che conta davvero. E so che sembra banale, ma è così che stanno le cose. Nessuno  leggerà mai il tuo blog solo perché la tua grammatica è azzeccata. In altre parole, un post mal scritto e perspicace sarà sempre meglio di un comunicato stampa piacevolmente scritto e senza senso. Idee! Storie! Valore di intrattenimento! Informazione grezza! Investi prima sul nocciolo dei tuoi contenuti e poi concentrati sulla grammatica di contorno.

38) Scrivere, modificare, pubblicare

Anche se la grammatica non è qualcosa da cui dovresti essere ossessionato, per ottenere un post di qualità da un insieme di frasi messe insieme in modo selvaggio devi seguire un procedimento.

È semplice, mentre stai scrivendo, è facile e allettante correggere al volo i refusi, aggiustare frasi e paragrafi mentre li scrivi. Sembra naturale, è quello che ci hanno insegnato a scuola. Ma non è il metodo più efficace. Il problema di modificare mentre si scrive è che si interrompe il flusso di idee, sconvolge il tuo pensiero creativo e rende più difficile la narrazione. L’obiettivo durante la creazione della prima bozza è mettere più parole possibili su un foglio vuoto e non preoccuparsi di che aspetto avrà. Intendo che dovresti davvero scrivere tutto ciò che ti passa per la mente riguardo all’argomento. La cosa importante qui è non fermarti, non cercare di aggiustare qualsiasi cosa, neanche gli errori di battitura. Il tuo obiettivo è scrivere, essere creativo. Quindi, una volta che l’intera bozza è stata scritta, è il momento di apportare le modifiche, tornare al tuo progetto e iniziare a correggerlo.

E mi rendo conto che mantenere separati questi due processi è incredibilmente difficile. Infine, c’è l’editing, che è diventata una cosa fai-da-te al giorno d’oggi dal momento che la maggior parte di ciò che scriviamo viene pubblicato online da noi stessi.

I blog sono unici nelle loro funzioni. Voglio dire, a parte il corpo del tuo articolo, devi anche preparare il titolo, formattare il post, aggiungere alcune immagini, impostare tag e categorie, aggiungere qualche “click to tweet”, magari, e fare una miriade di altre cose. Tutte queste cose rientrano nella fase “pubblicare” del processo, quindi falle per ultime. Lavora per abbellire il tuo post subito prima di premere il pulsante di pubblicazione.

39) Imposta i tuoi strumenti di scrittura

A seconda di come si avvia un blog e si creano i tuoi contenuti, troverai che alcuni strumenti sono indispensabili nel corso della giornata. Sia che si tratti di una scrivania fissa, di una nuova tastiera o di una fantastica app, alcuni strumenti rendono la tua vita da blogger molto più semplice.

Guardiamo questa lista, uno strumento alla volta:

  • Innanzitutto, procurati una buona tastiera

La tastiera è forse l’apparecchiatura più sottovalutata con cui interagiamo regolarmente. Ma la maggior parte della nostra interazione con un computer avviene tramite una tastiera, giusto? Tuttavia, raramente sostituiamo le tastiere e di solito non badiamo a ciò che accade nel mercato delle tastiere. Pensiamo di avere già ciò che ci serve o che si adatta al nostro computer, ma non sempre è così.

Le tastiere possono essere molto diverse tra loro e non esiste una tastiera migliore in assoluto. Tutto dipende dalle tue preferenze personali, dalla tua abilità a digitare e da quanto è confortevole la tua posizione davanti allo scehrmo. Ecco perché è necessario sperimentare diverse impostazioni per trovare quella che si adatta perfettamente a te.

  • Prova le app di blogging

Fare il tuo lavoro all’interno dell’interfaccia di WordPress va bene, specialmente nella modalità senza distrazioni. Ma se stai aprendo un blog per la prima volta, potresti essere ancora più produttivo con alcune applicazioni di blogging dedicate.

  • Sperimenta con le app di supporto

Ecco alcune di app che rendono il lavoro molto più veloce:

  • Lightshot: l’ultimo strumento di screenshot.
  • WorkFlowy : il miglior strumento per la creazione di profili di articoli.
  • Gestori di password : ti aiutano a tenere traccia dei nomi utente / password

 

40) Conclusione

Questo post è stato molto lungo. Grazie per aver letto fino a qui!

Gestire un blog è una di quelle cose che a prima vista sembrano semplici, ma c’è un’enorme differenza tra il farlo e sfruttarne tutto il potenziale. Ci sono così tanti ingranaggi e funzioni di cui tenere conto! C’è WordPress stesso, per scrivere contenuti, modificare, formattare, usare hosting, SEO, link building, social media, liste email, networking, e così via.

Spero che questa serie di articoli sia stata esaustiva e che ti possa aiutare ad evitare alcuni dei primi errori commessi dalla maggior parte dei blogger. 

Se hai dei consigli, ti invito a lasciare un commento qui sotto e a condividere la tua esperienza. Mi piacerebbe davvero rendere questo post una risorsa utile per tutti. Allo stesso modo, se hai domande per me, lascia un commento e farò del mio meglio per risponderti in tempi brevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare report di navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .